Raccomandato, 2022

Scelta Del Redattore

Differenza tra monopolio e competizione monopolistica

Il monopolio si riferisce a una struttura di mercato in cui un singolo venditore domina l'intero mercato vendendo il suo prodotto unico. D'altra parte, la concorrenza monopolistica si riferisce al mercato competitivo, in cui pochi venditori sul mercato offrono quasi sostituti ai clienti.

In economia, il mercato non è solo un luogo in cui le parti si impegnano in uno scambio di beni o servizi per denaro, ma si riferisce a un sistema in cui ci sono molti acquirenti e venditori per un prodotto o servizio che ha una conoscenza completa delle condizioni di mercato, che negoziano e stabilisci il prezzo del prodotto per fare l'affare. Il mercato è classificato in varie categorie come area, tempo, regolamento, concorrenza e così via.

Basato sulla concorrenza, il mercato è diviso come concorrenza perfetta e concorrenza imperfetta. Inoltre, ci sono tre tipi di concorrenza imperfetta, monopolio, oligopolio e concorrenza monopolistica. Molte persone hanno difficoltà a capire la differenza tra il monopolio e la concorrenza monopolistica, quindi qui l'abbiamo semplificato per te.

Grafico comparativo

Base per il confrontoMonopolioConcorrenza monopolistica
SensoIl monopolio si riferisce a una struttura di mercato in cui un singolo venditore produce / vende il prodotto a un gran numero di acquirenti.La concorrenza monopolistica è un mercato competitivo in cui ci sono molti venditori che offrono prodotti differenziati a un gran numero di acquirenti.
Numero di giocatoriUnoDa due a dieci o anche di più.
Differenziazione del prodottoEstremoleggero
Grado di controllo sul prezzoNotevole ma molto regolamentato.Alcuni
concorrenzaNon esiste.Esiste una forte concorrenza tra le imprese.
Curva della domandaripidoPiatto
Barriere all'entrata e all'uscitaMoltiNo
Differenza tra azienda e industriaNo

Definizione di Monopoli

Un tipo di struttura di mercato, in cui l'impresa ha il potere assoluto di produrre e vendere un prodotto o un servizio che non ha stretti sostituti. In termini semplici, il mercato monopolizzato è quello in cui esiste un unico venditore, che vende un prodotto senza quasi un sostituto a un gran numero di acquirenti. Poiché l'azienda e l'industria sono la stessa cosa nel mercato monopolistico, quindi è un'industria a singola azienda. Esiste un'elasticità incrociata zero o negativa della domanda per un prodotto monopolio. Il monopolio può essere trovato in servizi di pubblica utilità come telefono, elettricità e così via.

Nell'ambito di questa impostazione di marketing, un'impresa è il price setter; tuttavia, la determinazione del prezzo del prodotto viene effettuata tenendo conto dell'elasticità della domanda per il prodotto, in modo che la domanda per il prodotto e il profitto sia massima. Guarda lo schema qui sotto:

dove MR = Marginal Revenue
AR = entrate medie
MC = Costo marginale
AC = Costo medio

Definizione della concorrenza monopolistica

Un contesto di mercato in cui i punteggi dei venditori vendono un prodotto differenziato è chiamato competizione monopolistica. I prodotti sono differenziati, per marca, imballaggio, forma, dimensioni, design, marchio, ecc. Sebbene il prodotto venduto da diverse ditte del settore rimanga un sostituto stretto per i rivali, in quanto i prodotti non sono identici ma simili. La concorrenza monopolistica è prevalente nell'industria manifatturiera, come tè, scarpe, frigoriferi, dentifrici, televisori, ecc. Le caratteristiche salienti della concorrenza monopolistica sono le seguenti:

  • Un gran numero di venditori.
  • Prodotti differenziati, ma succedanei sostituti.
  • Ingresso e uscita gratuiti dal settore.
  • Perfetta mobilità dei fattori
  • Piena conoscenza delle condizioni di mercato

In base a questa impostazione, i consumatori acquistano di più quando i prezzi del prodotto sono inferiori rispetto a prezzi più alti. Paragonando il ricavo marginale con il costo marginale, il profitto dell'impresa può essere massimizzato, come si può vedere nel diagramma seguente:

Come potete vedere nel diagramma, il punto in cui si incontrano MR (Marginal Revenue) e MC (Marginal Cost) è il livello di prezzo, dove P1 è il prezzo e Q1 è l'output da produrre.

Differenze chiave tra monopolio e competizione monopolistica

I seguenti punti sono degni di nota per quanto riguarda la differenza tra il monopolio e la concorrenza monopolistica:

  1. Una struttura di mercato in cui un singolo venditore produce / vende il prodotto a un gran numero di acquirenti viene chiamato monopolio. Un mercato competitivo in cui molti venditori offrono prodotti differenziati a un gran numero di acquirenti, si chiama concorrenza monopolistica.
  2. C'è un singolo venditore / produttore in un mercato di monopolio mentre ci possono essere da due a dieci o più giocatori nella competizione monopolistica.
  3. In una struttura di mercato monopolistica, il venditore offre un singolo prodotto e vi è un'estrema differenziazione del prodotto. Al contrario, in una competizione monopolistica, poiché i prodotti offerti da venditori diversi sono stretti sostituti, e così, c'è una leggera differenziazione del prodotto.
  4. In un mercato monopolistico, il grado di controllo sul prezzo è considerevole ma regolamentato. Al contrario, in una competizione monopolistica, c'è un certo controllo sul prezzo.
  5. Nessuna concorrenza esiste in un mercato monopolistico, mentre una concorrenza agguerrita a causa della concorrenza non di prezzo esiste tra le imprese il mercato monopolistico competitivo.
  6. Poiché non esistono prodotti sostitutivi vicini del prodotto, la domanda per il prodotto in monopolio è anelastica. Contrariamente alla concorrenza monopolistica, poiché i prodotti offerti dai diversi venditori non sono identici ma simili, la sua domanda è quindi molto elastica.
  7. Sotto il monopolio, vi sono elevate barriere all'entrata e all'uscita, dovute a cause economiche, legali e istituzionali. D'altra parte, nella competizione monopolistica, c'è un'entrata e un'uscita senza restrizioni dall'industria.
  8. Poiché una singola impresa regola l'intero mercato, non vi è alcuna differenza tra impresa e industria nel monopolio. Quindi, è un'industria single-aziendale. A differenza della concorrenza monopolistica, esiste la differenza tra impresa e industria, ovvero un'azienda è una singola entità e un gruppo di aziende è chiamato industria.

Conclusione

In un mercato monopolistico, è possibile per un'impresa addebitare prezzi distinti da vari clienti, per lo stesso prodotto. Quindi, l'azienda può adottare una politica di discriminazione dei prezzi. D'altra parte, poiché la concorrenza non di prezzo è prevalente nel mercato, quindi, la discriminazione di prezzo non è possibile, quindi nessuna impresa può addebitare prezzi diversi da clienti diversi.

Top