Raccomandato, 2022

Scelta Del Redattore

Differenza tra commercio estero e investimenti esteri

Con l'effetto della globalizzazione, la forma dei mercati è stata cambiata in tutto il mondo, così come ha cambiato anche il modo in cui gli affari vengono svolti negli anni passati. Una delle maggiori rivoluzioni, come parte della globalizzazione, è il commercio estero che implica l'acquisto e la vendita di beni e servizi, in diversi paesi del mondo.

Successivamente, vi è un altro cambiamento drastico in conseguenza della globalizzazione, vale a dire gli investimenti stranieri, in cui gli individui e le società investono il proprio capitale nelle società con sede in un'altra nazione.

Sia il commercio estero che gli investimenti esteri portano capitali esterni nel paese che stimolano la crescita della nazione. Diamo un'occhiata all'articolo dato, per capire la differenza tra commercio estero e investimenti esteri.

Contenuto: commercio estero contro investimenti esteri

  1. Grafico comparativo
  2. Definizione
  3. Differenze chiave
  4. Conclusione

Grafico comparativo

Base per il confrontoCommercio esteroInvestimento straniero
SensoIl commercio estero implica il commercio di beni, servizi e capitali tra due paesi del mondo.Gli investimenti esteri si riferiscono a un investimento effettuato in un'azienda da una fonte esterna al paese.
BisognoDotazione di risorseRequisito di capitale
RisultatoIntegrazione dei mercati di diversi paesi.Investimento aggiuntivo sotto forma di capitale, tecnologia e altre risorse.
VantaggioCrea un'opportunità per i produttori di coprire i mercati internazionali.Porta capitale a lungo termine alla compagnia.
ObbiettivoPer guadagnare profitti ed eccellere nel mercato globale.Per generare rendimenti a lungo termine.

Definizione del commercio estero

Il commercio estero può essere inteso come l'atto di scambiare prodotti e servizi sui mercati internazionali. Facilita la disponibilità di merci nel mercato del paese, diverso da dove viene prodotto. Ne risulta un aumento della scelta delle merci, poiché i prezzi dei prodotti simili sono quasi uguali. Pertanto, i produttori competono tra loro.

Il commercio estero è necessario in un paese per soddisfare il suo fabbisogno di risorse, il che significa che il commercio tra due paesi avviene perché nessun paese è autosufficiente. Quindi, per soddisfare il suo fabbisogno di risorse naturali o create dall'uomo, si impegna nel commercio con il paese, che possiede queste risorse in abbondanza. Inoltre, i paesi che sono ricchi di alcuni minerali o altri elementi trovano utile esportarlo in altri paesi.

Il commercio estero si presenta sotto forma di importazione, esportazione e entreport .

Il commercio estero è soggetto alla politica commerciale, che sono i principi direttivi e le misure di controllo, che aiutano nella gestione delle esportazioni e delle importazioni del paese.

Definizione di investimenti esteri

Gli investimenti esteri implicano investimenti effettuati da cittadini stranieri o società straniere in proporzioni sostanziali nell'impresa nazionale, in quanto detengono un'ampia proprietà e controllano anche la gestione della società.

In breve, gli investimenti esteri sono l'introduzione di capitale straniero in una società che ha sede in un altro paese. Quindi, si traduce nel movimento di capitali da un paese all'altro. Può essere sotto forma di:

  • Investimenti diretti esteri : investimenti da una fonte al di fuori della nazione, nella produzione o nelle attività di un'azienda.
  • Investimenti di portafogli esteri : investimenti della società estera, nel mercato mobiliare di un altro paese.
  • Investimenti istituzionali stranieri : investimenti da parte di investitori stranieri nelle partecipazioni passive dell'azienda, che opera in un altro paese.

Differenze chiave tra commercio estero e investimenti esteri

Le differenze tra commercio estero e investimenti esteri sono discusse nei seguenti punti in dettaglio:

  1. Lo scambio di beni e servizi attraverso i confini nazionali del paese è noto come commercio estero. Al contrario, gli investimenti esteri implicano il tipo di investimento che un'impresa o un individuo di un paese effettua nel capitale della società situata in un altro paese.
  2. Ogni paese non possiede tutte le risorse, ed è per questo che è richiesto il commercio estero per soddisfare la domanda di risorse che sono carenti in un paese. Al contrario, gli investimenti esteri tendono a soddisfare il requisito patrimoniale della società, dalla fonte al di fuori del paese.
  3. Il commercio estero collega i mercati di diversi paesi del mondo. Al contrario, gli investimenti esteri apportano ulteriori investimenti alla società sotto forma di denaro, tecnologia e altre risorse.
  4. Il commercio estero crea una buona opportunità per i produttori nazionali di conquistare mercati globali e aumentare la loro portata complessiva. Al contrario, gli investimenti esteri tendono a portare capitali a lungo termine nella società e anche in valuta estera.
  5. L'obiettivo primario del commercio estero è quello di guadagnare un profitto e creare un'impressione nel mercato internazionale. A differenza di, un investimento straniero realizzato con l'obiettivo di generare rendimenti a lungo termine e avere una partecipazione azionaria nella società con sede in un'altra nazione.

Conclusione

Sia il commercio estero che gli investimenti esteri portano all'aumento del prodotto interno lordo (PIL) del paese, che diventa un'importante fonte di sviluppo dell'economia.

Per riassumere, il commercio estero comporta l'acquisto e la vendita di beni e servizi; nei mercati internazionali, gli investimenti stranieri riguardano esclusivamente il denaro investito a lungo termine da società straniere.

Top