Raccomandato, 2023

Scelta Del Redattore

Differenza tra rischio sistematico e non sistematico

C'è sempre un rischio incorporato in ogni investimento come azioni o obbligazioni. Le due componenti principali del rischio sistematico di rischio e del rischio non sistematico, che quando combinate si traducono in un rischio totale. Il rischio sistematico è il risultato di variabili esterne e incontrollabili, che non sono specifiche del settore o della sicurezza e influiscono sull'intero mercato determinando la fluttuazione dei prezzi di tutti i titoli.

D'altra parte, il rischio non sistematico si riferisce al rischio che emerge da variabili controllate e conosciute, che sono specifiche del settore o della sicurezza.

Il rischio sistematico non può essere eliminato attraverso la diversificazione del portafoglio, mentre la diversificazione si rivela utile per evitare rischi non sistematici. Prendi una lettura completa di questo articolo per conoscere le differenze tra il rischio sistematico e non sistematico.

Grafico comparativo

Base per il confrontoRischio sistematicoRischio non sistematico
SensoIl rischio sistematico si riferisce al pericolo associato al mercato o al segmento di mercato nel suo complesso.Il rischio non sistematico si riferisce al rischio associato a un particolare tipo di sicurezza, azienda o industria.
NaturaIncontrollabileControllabile
fattoriFattori esterniFattori interni
colpisceGran numero di titoli sul mercato.Solo una compagnia particolare.
tipiRischio di interesse, rischio di mercato e rischio di acquisto.Rischio aziendale e rischio finanziario
ProtezioneAsset allocationDiversificazione del portafoglio

Definizione di rischio sistematico

Con il termine "rischio sistematico" intendiamo la variazione dei rendimenti sui titoli, dovuta a fattori macroeconomici di business come fattori sociali, politici o economici. Tali fluttuazioni sono legate ai cambiamenti nel rendimento dell'intero mercato. Il rischio sistematico è causato dai cambiamenti nella politica governativa, dall'atto di natura come disastri naturali, cambiamenti nell'economia nazionale, componenti economiche internazionali, ecc. Il rischio può comportare la caduta del valore degli investimenti in un periodo. È diviso in tre categorie, che sono spiegate come sotto:

  • Rischio di interesse : rischio causato dalle fluttuazioni del tasso o degli interessi di volta in volta e riguarda i titoli fruttiferi come obbligazioni e obbligazioni.
  • Rischio di inflazione : in alternativa noto come rischio di acquisto in quanto influisce negativamente sul potere d'acquisto di un individuo. Tale rischio sorge a causa dell'aumento dei costi di produzione, dell'aumento dei salari, ecc.
  • Rischio di mercato : il rischio influenza i prezzi di un'azione, vale a dire che i prezzi aumenteranno o diminuiranno costantemente nel corso di un periodo insieme ad altre azioni del mercato.

Definizione di rischio non sistematico

Il rischio derivante dalle fluttuazioni dei rendimenti della sicurezza di un'azienda a causa dei fattori microeconomici, ovvero i fattori esistenti nell'organizzazione, è noto come rischio non sistematico. I fattori che causano tale rischio si riferiscono a una particolare sicurezza di un'azienda o di un settore, quindi influenzano solo una determinata organizzazione. Il rischio può essere evitato dall'organizzazione se vengono intraprese azioni in tal senso. È stato diviso in due categorie rischio aziendale e rischio finanziario, spiegato come sotto:

  • Rischio d'impresa: il rischio inerente ai titoli è che l'azienda può o meno dare buoni risultati. Il rischio quando una società si comporta al di sotto della media è noto come rischio aziendale. Ci sono alcuni fattori che causano rischi aziendali come cambiamenti nelle politiche governative, l'aumento della concorrenza, cambiamenti nel gusto e nelle preferenze dei consumatori, sviluppo di prodotti sostitutivi, cambiamenti tecnologici, ecc.
  • Rischio finanziario : in alternativa noto come rischio a leva. Quando vi è un cambiamento nella struttura del capitale della società, si tratta di un rischio finanziario. Il rapporto debito / capitale è l'espressione di tale rischio.

Differenze chiave tra rischio sistematico e non sistematico

Le differenze fondamentali tra il rischio sistematico e non sistematico sono fornite nei seguenti punti:

  1. Rischio sistematico significa la possibilità di perdita associata all'intero mercato o segmento di mercato. Per rischio non sistematico si intende il rischio associato a un particolare settore o sicurezza.
  2. Il rischio sistematico è incontrollabile mentre il rischio non sistematico è controllabile.
  3. Il rischio sistematico deriva da fattori macroeconomici. D'altra parte, il rischio non sistematico sorge a causa dei fattori microeconomici.
  4. Il rischio sistematico colpisce un gran numero di titoli sul mercato. Viceversa, il rischio non sistematico influisce sui titoli di una determinata società.
  5. Il rischio sistematico può essere eliminato attraverso diversi metodi come la copertura, l'asset allocation, al contrario del rischio non sistematico che può essere eliminato attraverso la diversificazione del portafoglio.
  6. Il rischio sistematico è suddiviso in tre categorie: rischio di interesse, rischio di mercato e rischio di acquisto. Diversamente dal rischio non sistematico, che è suddiviso in due rischi aziendali e finanziari di ampia categoria.

Conclusione

Anche l'elusione del rischio sistematico e non sistematico è un grande compito. Poiché le forze esterne sono coinvolte nel causare un rischio sistematico, quindi sono inevitabili e incontrollabili. Inoltre, influenza l'intero mercato, ma può essere ridotto attraverso la copertura e l'asset allocation. Poiché il rischio non sistematico è causato da fattori interni in modo che possa essere facilmente controllato ed evitato, in gran parte attraverso la diversificazione del portafoglio.

Top