Raccomandato, 2022

Scelta Del Redattore

Differenza tra mutazione e variazione

I cambiamenti nella sequenza nucleotidica a livello di DNA o in una qualsiasi delle coppie di basi sono noti come mutazione, mentre la variazione genetica è il modo in cui un individuo di una specie varia da un altro, la variazione può essere dovuta a cambiamenti nella sequenza nucleotidica come inserzioni, eliminazioni, eventuali riarrangiamenti genetici o fattori ambientali.

Siamo tutti a conoscenza del DNA, dell'RNA che viene detto come materiale genetico e consistono nei codici o basi A, C, G e T, e le loro combinazioni formano la sequenza proteica. Queste sequenze di proteine ​​sono responsabili di variazioni negli organismi viventi. La leggera differenza nella sequenza rende l'uno distinto dall'altro, se il cambiamento è all'interno della specie di una popolazione, è la mutazione, mentre se il cambiamento è all'interno della popolazione che è variazione.

Entrambi i termini sono associati tra loro e sono detti come la ragione principale dei processi evolutivi in ​​una qualsiasi delle specie, popolazione o comunità. Mutazioni e variazioni svolgono anche un ruolo fondamentale per un gruppo di organismi per adattarsi all'ambiente ed è utile per sopravvivere. Sebbene questi processi presentino anche alcuni svantaggi, poiché alcune mutazioni e variazioni possono portare a disturbi genetici e malattie gravi.

In questo articolo, esploreremo la differenza tra i due termini che sono mutazione e variazione con un sommario di essi e dei loro tipi.

Tabella di confronto

Base per il confrontoMutazioneVariazione
Senso
La mutazione è il cambiamento naturale e permanente, che provoca cambiamenti nella sequenza del DNA in qualsiasi organismo vivente.
La variazione o la variazione genetica è osservata in un individuo di qualsiasi specie, gruppo o popolazione ed è osservata nei geni e negli alleli. Con il processo delle selezioni naturali, le mutazioni possono portare cambiamenti evolutivi.
ColpisceLe mutazioni colpiscono i singoli organismi.
Le variazioni sono viste in gruppi o popolazioni di un individuo.
Agente provocante
Prodotti chimici, radiazioni ionizzanti, raggi radioattivi, mutageni chimici o raggi X.Mutazioni geniche, incrocio, ricombinazioni genetiche, deriva genetica, flusso genico, fattori ambientali.
tipi
1. Mutazioni ereditarie o ereditarie o fisse o stabili o cromosomiche.
2. Mutazione somatica o acquisita o dinamica o instabile.
1. Variazione ambientale.
2. Variazioni genetiche.
3. Variazione continua.
4. Variazione discontinua.

Definizione di Mutazione

La mutazione è definita come cambiamento spontaneo, che si verifica a livello del genoma di un organismo. Può verificarsi nelle cellule germinali o somatiche, ma se si verifica in una cellula gamete o gonadica, viene trasferito a un'ulteriore generazione, il che non è il caso delle cellule somatiche o germinali. Le mutazioni provocano il cambiamento nella sequenza del DNA, che può essere dovuto a radiazioni dannose, fattori ambientali, fumi o errori durante la replicazione del DNA.

Sebbene le mutazioni durante la replicazione cellulare siano spesso riconosciute dalla cellula e vengano risolte, alcune mutazioni hanno il potenziale per causare danni e diventare la mutazione fissa. Queste mutazioni fisse sono ereditate e influenzano positivamente, mentre alcune possono mostrare anche gli effetti negativi e possono insorgere malattie come l'anemia falciforme, la talassemia. Se le mutazioni influenzano l'attività genetica, può anche causare il cancro.

La mutazione ereditaria o cromosomica sono le mutazioni che si verificano nella cellula germinale di un uovo (femmina) o di uno sperma (maschio), tale cambiamento genetico viene trasferito o portato nella nuova cellula vivente e che divide ulteriormente il nuovo organismo in via di sviluppo. Le mutazioni cromosomiche svolgono un ruolo maggiore nel cambiare il genoma poiché i cambiamenti sono portati durante il processo di meiosi.

Le mutazioni del livello cromosomico sono di vari tipi, che possono essere anomalie numeriche e anomalie strutturali. Le anomalie numeriche sono di due tipi: aneuploidia e poliploidia, mentre le anomalie strutturali hanno cinque tipi chiamati delezioni, inversioni, traslocazioni, formazione di anelli. Oltre a questo, ci sono anche mutazioni legate al sesso, che sono correlate alle mutazioni nei cromosomi sessuali.

Alcune mutazioni sono benefiche e danno un impatto positivo a un organismo e sono così definite mutazioni benefiche in quanto supportano l'individuo nell'adattare le situazioni dell'ambiente, mentre alcune mutazioni possono essere dannose e attirare disturbi e malattie.

Definizione di variazione

Variazione genetica è la parola usata per mostrare le caratteristiche distinte tra i diversi organismi, come variano l'uno dall'altro da peli a unghie, mani, altezze, colori, forme del corpo, ecc. Descrive la sequenza di DNA che varia un genoma dall'altro, come gli organismi viventi sono unici gli uni dagli altri.

Le variazioni aiutano a cambiare e superare le popolazioni in base al cambiamento nell'ambiente. Queste variazioni supportano l'individuo a sopravvivere e produrre più del suo genere, trasferendo le variazioni alle generazioni successive. Le variazioni sono la via principale per il processo di selezione naturale, in quanto elimina il fattore che ostacola il percorso di variazione.

Variazioni o variazioni ambientali sono osservate nella popolazione a causa di cambiamenti nell'organismo, mentre le variazioni genetiche vengono trasferite da una generazione all'altra. Se la variazione continua da una generazione all'altra e c'è una leggera differenza tra due organismi, viene chiamata continua, mentre se la variazione non continua nella generazione futura, viene chiamata variazione discontinua.

Differenze chiave tra mutazione e variazioni

I seguenti punti sono importanti sulla strada per differenziare la mutazione e la variazione:

  1. La mutazione è il cambiamento naturale e permanente, che provoca cambiamenti nel DNA o nella sequenza genetica in qualsiasi organismo vivente. Questi cambiamenti possono essere piccoli o grandi, il che può influire su interi geni o cromosomi. D'altra parte, la variazione o la variazione genetica si osserva nei gruppi o nella popolazione e si osserva nei geni e negli alleli. Può essere dovuto a fattori ambientali e intensificare il processo di selezione naturale. La variazione può portare cambiamenti evolutivi.
  2. Le mutazioni colpiscono i singoli organismi, mentre si osservano variazioni tra individui, gruppi o popolazioni di un organismo.
  3. Gli agenti che causano mutazioni sono fumo, sostanze chimiche, radiazioni ionizzanti, raggi radioattivi, mutageni chimici o raggi X, mentre le variazioni sono dovute a mutazioni genetiche, incrocio, ricombinazioni genetiche, deriva genetica, flusso genico, fattori ambientali.
  4. Le mutazioni germinali o ereditarie o fisse o stabili o cromosomiche e le mutazioni somatiche o acquisite o dinamiche o instabili sono i tipi di mutazioni mentre la variazione ambientale, le variazioni genetiche, la variazione continua, la variazione discontinua sono i diversi tipi di variazione.

Conclusione

Le mutazioni e le variazioni possono variare da gene a genoma, da un organismo all'altro e in questo settore sono necessari maggiori focus per fare ricerche precise e misurare la frequenza delle mutazioni e variazioni che un individuo subisce.

Top