Raccomandato, 2020

Scelta Del Redattore

Siti di social networking: il buono, il brutto e il cattivo

In questi giorni ho tenuto molte interviste per ottenere un posto di lavoro nei miei campus, inutile menzionare che sto vedendo il rifiuto in tutte queste interviste, A parte tutte le delusioni, una cosa che ottengo molto è parlare sul mio argomento preferito nelle discussioni di gruppo.

L'argomento è "I social network sono buoni o cattivi".

Nel momento in cui il moderatore dice, 'ora puoi iniziare'. Salta tutti in ogni angolo della stanza (incluso me) e l'unica conclusione che lasciamo va così,

Tutto dipende da come una persona sceglie di utilizzare i siti di social networking, questi siti possono rivelarsi molto utili se una persona li utilizza in modo appropriato e può anche portare a procrastinare se abusato o abusato.

Ma questa conclusione è stata di qualche aiuto a qualcuno? Non che io la pensi così.

Parliamo molto di molti argomenti in queste discussioni di gruppo, ma non sono pensati per risolvere alcun problema, ma piuttosto fungono da palcoscenico per selezionare i candidati per il prossimo livello di interviste. Ma non potevo lasciar andare questo argomento, non trattato.

Quindi, oggi ho intenzione di fornire una panoramica di ciò che i siti di social networking sono in realtà per e quanto bene e quanto male possono andare.

Per cominciare, ecco la mia definizione di siti di social networking, in base a come la utilizzo.

I siti di social network agiscono come uno strumento per connetterci con persone provenienti da tutto il mondo e darci la possibilità di trasmettere i nostri pensieri di fronte al mondo intero e tutto ciò che è gratuito.

La brutta e brutta parte dei siti di social network

Il più grande problema con i siti di social networking è che siamo troppo attaccati ai nostri siti di social network esattamente nello stesso modo in cui "Overly Attached Girlfriend è collegata al suo fidanzato".

Questo attaccamento porta alla procrastinazione, che è il problema qui, deve essere risolto.

Se continui a controllare i tuoi profili online mentre lavori o fai qualsiasi altra attività importante, renderà il processo più lungo. Ma, se aspetti che il lavoro sia terminato, questo velocizzerà il processo e ti lascerà un sacco di tempo libero.

Questo è un esercizio difficile, ma prova a lasciare i tuoi siti di social network da solo per un po 'di tempo in modo che quando li incontri dopo un lungo periodo (circa poche ore) puoi avere la gioia euforica.

Ho una storia che ti ispirerà per non trascorrere più del tempo necessario sui siti di social networking. Eccolo,

Questo è stato un recente esperimento condotto da un blogger (Maneesh Sethi) perché era troppo distratto dai siti di social networking che non riusciva a concentrarsi sul lavoro. Così, ha assunto una ragazza per schiaffeggiarlo in faccia ogni volta che è su Facebook per 8 USD all'ora e la sua produttività è aumentata dal 38% al 98% (all'incirca). Grande affare, non è vero?

Spero che questa storia rimanga nel tuo subconscio e ogni volta che senti che stai perdendo tempo online, ti fermi immediatamente.

Tuttavia, la procrastinazione non è l'unico problema relativo ai siti di social network, ma ci sono anche problemi che riguardano la privacy, che possono essere risolti prendendosi cura di ciò che pubblichi online e scegliendo le persone a cui sono visibili i tuoi post.

La buona parte dei siti di social network

Partendo dalle basi, ci connette a persone provenienti da tutto il mondo in tempo reale, le aziende possono raggiungere i loro potenziali clienti con tanta facilità ed efficienza, le notizie viaggiano alla velocità della luce solo grazie a questi siti di social networking e tutti possono trasmettere i suoi pensieri di fronte al mondo intero.

Tutto questo è possibile solo grazie a questi siti di social networking.

Per la nuova generazione questo potrebbe essere normale e uno stile di vita, ma per le persone che sono nate molto prima dell'avvento dei social media sul web può effettivamente valutare lo scopo per cui sono destinati.

Detto questo, ora mi piacerebbe portare due storie incredibili in cui i social network fungono da farmaci salvavita,

Questa storia è arrivata a immaginare l'anno scorso quando Twitter ha lanciato Twitter Stories, un nome utente di Twitter, la malattia renale di Chris Strouth stava peggiorando e aveva bisogno di un trapianto di Rene con urgenza, non sapendo cosa fare, ha twittato irrimediabilmente "sh * t, ho bisogno un rene ".

Indovina un po? Vedendo il suo tweet, in pochi giorni ha ricevuto offerte da 19 persone disposte a donare rene a Chris. Una di quelle 19 offerte si è rivelata perfetta e Chris è sano e sta bene. Ha twittato l'ultima volta 16 ore fa (al momento di scrivere post).

Questo mostra la potenza di un singolo Tweet. Il sito di social networking qui è servito allo scopo di salvare una vita. Non è fantastico?

La seconda storia riguarda Facebook,

Mayank Sharma, un indiano di 27 anni che un giorno si è svegliato con tutta la sua memoria persa (soffriva di una malattia, spiegata in dettaglio da lui nel video qui sotto), non riusciva nemmeno a riconoscere il proprio volto. Per alcuni giorni non aveva idea di tutto quello che succedeva intorno a lui, non stava parlando con nessuno.

Con il passare dei giorni ed essere stato bravo a lavorare con i computer, ha controllato la sua cronologia di navigazione e lì ha trovato il suo Facebook aperto, ha iniziato a usarlo e con le persone che potresti conoscere, ha iniziato a ricostruire la sua memoria usando come strumento per raccogliere tutte le parti sparse della sua memoria perduta.

Ecco il video ispiratore in cui Mayank stesso racconta la sua storia,

Quello che volevo dire in questo post è che non incolpare i siti di social networking, se non si è in grado di concentrarsi sul lavoro o se si è dipendenti da loro, incolpare te stesso. Perché tu sei il responsabile e non uno di quei siti di social network.

Cortesia dell'immagine: blog.gaborit-d.com

Top