Raccomandato, 2023

Scelta Del Redattore

Differenza tra sconti di fatturazione e factoring

Sconti e sconti sono due tipi di finanziamenti a breve termine attraverso i quali i requisiti finanziari di un'azienda possono essere soddisfatti rapidamente. Il primo è legato al prestito dalla banca commerciale mentre il secondo è associato alla gestione dei debiti contabili.

Il termine factoring include l'intero debito commerciale di un cliente. D'altra parte, lo sconto delle fatture include solo quei debiti commerciali che sono supportati dai crediti del cliente. In breve, lo sconto delle bollette implica l'anticipo sul conto, mentre il factoring può essere inteso come l'acquisto definitivo del debito commerciale.

Quindi, esiste una sottile linea di differenze tra lo sconto delle fatture e il factoring, che sono spiegate nell'articolo fornito di seguito.

Grafico comparativo

Base per il confrontoSconti di fatturazioneFactoring
SensoLo scambio della fattura prima che diventi dovuto per pagamento ad un prezzo inferiore al suo valore nominale è noto come Sconti di sconto.Una transazione finanziaria in cui l'organizzazione aziendale vende i suoi debiti contabili all'istituto finanziario con uno sconto è nota come Factoring.
PreparativiL'intera bolletta viene scontata e pagata, quando la transazione ha luogo.Il fattore fornisce la parte massima dell'importo come anticipo quando la transazione ha luogo e l'importo residuo al momento del regolamento.
partiCassetto, Cassetto e beneficiarioFattore, debitore e cliente
genereSolo ricorsoRicorso e non ricorso
Statuto direttivoThe Negotiable Instrument Act, 1881Nessun atto così specifico.
Reddito del finanziereSconti o interessi di scontoIl finanziere ottiene interesse per servizi finanziari e commissioni per altri servizi alleati.
Assegnazione di debitiNo

Definizione di sconto di legge

L'attualizzazione è un processo di negoziazione o di vendita della cambiale alla banca o all'istituto finanziario prima che diventi matura, ad un prezzo inferiore al suo valore nominale. Lo sconto sulla cambiale sarà basato sul tempo rimanente per la sua scadenza e il rischio che comporta.

Prima di tutto la banca si accontenta della credibilità del cassetto, prima di fare soldi. Avendo soddisfatto l'affidabilità creditizia del cassetto, la banca concederà i soldi dopo aver dedotto le spese di sconto o gli interessi. Quando la banca acquista il conto per il cliente, diventa il proprietario delle rispettive fatture. Se il cliente ritarda il pagamento, allora deve pagare gli interessi secondo le tariffe prescritte.

Inoltre, se il cliente è inadempiente al pagamento delle fatture, il mutuatario è responsabile per lo stesso e la banca può esercitare i diritti del pegno sui beni forniti al cliente dal mutuatario.

Definizione di Factoring

Factoring è una transazione in cui il cliente o il mutuatario vende i suoi debiti contabili al fattore (istituto finanziario) con uno sconto. Avendo acquistato i crediti il ​​fattore finanze, soldi a loro dopo aver dedotto quanto segue:

  • Un margine appropriato (riserva)
  • Interessi passivi per i servizi finanziari
  • Commissioni della Commissione per i servizi supplementari.

Ora, il cliente inoltra la raccolta dal cliente all'istituto finanziario o fornisce le istruzioni per inoltrare il pagamento direttamente al fattore e saldare le quote di equilibrio. La banca fornisce i seguenti servizi al cliente: indagini di credito, manutenzione del registro dei debitori, raccolta di debiti, rapporti di credito sui debitori e così via.

Rappresentazione grafica del factoring

I tipi di factoring sono come sotto:

  • Factoring divulgato : tutte le parti sono a conoscenza dell'accordo di factoring.
  • Factoring non divulgato : le parti non sono a conoscenza dell'accordo di factoring.
  • Factoring di ricorsi : in caso di inadempienza nel pagamento da parte del cliente il mutuatario paga l'ammontare dei crediti inesigibili.
  • Factoring non recourse : i fattori stessi portano la quantità di crediti inesigibili, ed è per questo che il tasso di commissione è più alto.

Differenze chiave tra lo sconto delle fatture e il factoring

Le seguenti sono le principali differenze tra lo sconto delle fatture e il factoring:

  • La vendita di fatture con uno sconto alla banca, prima della sua scadenza è nota come Sconti di sconto. La vendita dei debitori a un istituto finanziario a sconto è Factoring.
  • Il conto è scontato e l'intero importo viene pagato al mutuatario al momento della transazione. Viceversa, la parte massima dell'importo è fornita come anticipo, e il resto dell'importo è dato come saldo quando le quote sono realizzate.
  • Le parti che effettuano sconti sono un cassetto, un beneficiario e un beneficiario, mentre le parti coinvolte nel factoring sono il fattore, il debitore e il debitore.
  • Lo sconto delle bollette fa sempre ricorso, cioè se il cliente è inadempiente nel pagamento del debito, allora il pagamento viene effettuato dal mutuatario. D'altra parte, il factoring può essere il ricorso e il non profitto.
  • Il Negotiable Instrument Act, 1881 contiene le regole relative allo sconto fatture. In contrasto con il factoring che non è coperto da alcun atto.
  • Nello sconto delle fatture il finanziere ottiene le spese di sconto per i servizi finanziari, ma nel caso di factoring il fattore ottiene interessi e commissioni.
  • In factoring, i debiti vengono assegnati che non viene effettuato in scontrino.

Conclusione

Nello sconto delle fatture, le fatture sono negoziate mentre nel caso di factoring i crediti sono venduti. C'è una grande differenza tra questi due argomenti. Nello sconto delle bollette la banca offre un particolare servizio di finanziamento, ma se parliamo di factoring vengono forniti anche servizi aggiuntivi da parte del finanziere.

Top