Raccomandato, 2019

Scelta Del Redattore

Qual è il sistema operativo Fuchsia e in che modo è diverso da Android?

Google ha sempre molti progetti a portata di mano, ma solo alcuni, quelli speciali, hanno l'onore di essere trasferiti per lo sviluppo commerciale. Uno di questi progetti speciali è Fuchsia OS, che è uscito in pubblico dal 2016 ma ha avuto poco o nessun interesse da parte dei consumatori. È un sistema operativo che ha lo scopo di unificare l'intero ecosistema di gadget sotto un unico ombrello. Il sistema operativo fucsia è progettato per funzionare non solo su smartphone o desktop, ma anche su qualsiasi dispositivo intelligente appartenente a una rete IoT e Google sembra intenzionato a offrirti un'esperienza unificata simile su tutte le piattaforme come Apple. E questo sarà ancora più efficace con l'aumento della comunicazione mobile più veloce attraverso 5G.

Essenzialmente, il sistema operativo Fuchsia sarà indipendente dalle specifiche hardware, offrendo un'esperienza uniforme su tutti i dispositivi . Utilizzando un approccio modulare, i produttori saranno in grado di scegliere elementi Fuchsia in modo selettivo in base al dispositivo, mentre gli sviluppatori potrebbero spingere gli aggiornamenti più piccoli solo per implementare nuove funzionalità. Oltre a fornire un'interfaccia operativa uniforme, Fuchsia potrebbe persino assumere il ruolo di un singolo sistema operativo che governa su tutte le macchine, alla fine.

Anche se questo potrebbe darti un suggerimento sufficiente sul fatto che Google ha intenzione di sostituire Android con Fuchsia e persino fondere Chrome OS insieme a questo, questo articolo ti fornirà i dettagli sul sistema operativo in-the-works e su come Google sta cercando di prendere mondo della tecnologia da una tempesta con esso. Iniziamo imparando a conoscere il ruolo che Google ha in mente per il sistema operativo e le idee che hanno dato vita all'idea.

Informazioni su Fuchsia OS

Con il sistema operativo Fuchsia, Google potrebbe avere in programma di cancellare Android dalla faccia della Terra - o almeno i ricordi di gen-Z, ma il ruolo più importante e più ricercato per il sistema operativo è quello di fornire un'esperienza coerente e costante su tutti i dispositivi, indipendentemente dalle loro specifiche, dimensioni o utilità.

Perché la fucsia?

Apple potrebbe essere meglio conosciuta per i suoi iPhone e Mac, ma ha molti più trucchi del software nella sua manica di quanto non sia venerata per. È l'esclusività del suo software che non solo ha aiutato Apple a mantenere un forte vantaggio nel settore, ma ha anche aiutato a riprendersi dopo lo stand-off della gestione che ha portato il fondatore Steve Jobs ad essere licenziato dalla sua stessa compagnia. Ora, Google sta cercando di ottenere ciò, ma lo fa in modo diverso, ad esempio giurando secondo i principi dell'open source .

L'idea di sviluppatori di Google, Fuchsia, dovrebbe occupare una parte importante di tutte le macchine e i gadget intelligenti nel prossimo futuro. È questa uniformità su tutte le piattaforme immaginabili che farà in modo che gli utenti non si sentano alienati quando passano a un nuovo marchio di smartphone o si spostano dal Web o utilizzano la stessa app su un dispositivo a un altro. Altoparlanti intelligenti, telecamere di sicurezza, termostati, depuratori d'aria o d'acqua, robot ausiliari, robot che aiutano i robot ausiliari: praticamente qualsiasi cosa di intelligente si possa pensare avrà la stessa esperienza utente, indipendentemente dalla forma o dalla forma.

Progettato per le interazioni audio

Anche se avere un maggiore monopolio sul suo software è un vantaggio per Google economicamente, un altro motivo importante per scegliere la Fuchsia infantile rispetto a una versione modificata di Android è che il nuovo sistema operativo sarà incentrato sulle interazioni che sfruttano un'esperienza basata sulla voce, invece di fare affidamento su toccare. Ciò significa che Fuchsia sarà anche adatto per dispositivi con display che potrebbero supportare o meno un'interfaccia touch o anche un display.

In questa età di assistenti virtuali, la voce ha preso il centro della scena e Google Assistant è stato tra i favoriti. Ha acquisito funzionalità sorprendenti tra cui la possibilità di effettuare chiamate banali o di base per conto degli utenti. Queste funzionalità sono probabilmente i mattoni di Fuchsia. Inoltre, questa attenzione alla voce - e non al tocco - conferisce al gigante della tecnologia la libertà di implementare elementi visivi senza preoccuparsi se sono ottimizzati per forma e dimensioni dello schermo.

Avvio fresco anziché aggiornamento

Android è stato progettato principalmente con smartphone con tastiere QWERTY e successivamente evoluto per adattarsi al controllo touch. Ora ha dieci anni e supporta numerosi dispositivi, non solo smartphone o tablet, ma dipende ancora in gran parte dall'interattività tattile. Quindi, se Google desidera prepararsi per le sfide del prossimo decennio, iniziare da zero sembra essere un modo migliore di modificare nuovamente Android per soddisfare le nuove esigenze.

Oltre a questo, Google potrebbe anche cercare di prendere le distanze dalla causa Oracle. I due giganti del software sono stati in una battaglia di nervi sulla questione della royalty relativa all'uso di interfacce o API di programmi applicativi Java open-source di Google durante la creazione della prima versione di Android. I due giganti sono stati ai ferri corti dal 2010 e, secondo l'ultimo ordine del tribunale, a Google è stato chiesto di pagare $ 8, 8 miliardi a Oracle - un ordine che ha contestato e si sta attualmente preparando per una petizione di revisione.

Mentre Google ha già abbandonato le vile API nel 2015, passare a un nuovo ecosistema che è lontano dal fantasma di Java, così come Oracle, non solo darà a Google più libertà di esplorare e prosperare ma anche di cancellare la lavagna con Oracle - può essere. Oltre a questo, Google utilizza il proprio kernel chiamato "Zircon" invece dei kernel Linux utilizzati in Android per stare lontano da Linux e rimanere focalizzati in una nicchia creata da sé.

Oltre a questo, il sistema operativo Fuchsia consentirà a Google di contrastare il problema dei dispositivi che girano su software obsoleti e ne scopriremo la possibilità nella prossima sezione.

Zircon Kernel

Parte del nuovo approccio di cui Fuchsia è un prodotto è il nuovo kernel utilizzato per il sistema operativo. Questo kernel è chiamato Zircon ed è codificato in C ++, invece di C, che è usato per scrivere i kernel di Linux. Essenzialmente, Zircon è un microkernel che, in parole povere, gestirà meglio le interazioni hardware-software e offrirà una maggiore efficienza in termini di utilizzo di risorse come potenza di elaborazione e velocità di rete.

I kernel Zircon non sono limitati a smartphone o PC e supporteranno una gamma più ampia di hardware come fotocamere digitali, altoparlanti intelligenti, altri dispositivi IoT, desktop e laptop di tutte le forme e dimensioni. Aiuterà inoltre Google a distribuire gli aggiornamenti a tutti i dispositivi contemporaneamente in modo che tutti i dispositivi con cui interagisci siano sempre aggiornati. Se questo risulta essere vero, il kernel di Zircon potrebbe aiutare a costruire un'utopia per i geek.

Zircon verrà anche aggiornato regolarmente, a differenza di un kernel Linux, che viene scritto solo per soddisfare i requisiti dell'hardware, in modo che i dispositivi siano immediatamente compatibili con gli ultimi aggiornamenti.

OS fucsia: un approccio modulare

Fuchsia usa un approccio modulare che significa che invece di essere una grande pila di codice, sarà segmentato in blocchi o "pacchetti" . Tutto, inclusi i file di sistema, sarà composto da questi pacchetti più piccoli di aka chunks, che a loro volta possono anche essere costituiti da "componenti" ancora più piccoli. Questi componenti comprenderanno solo il codice necessario per eseguire una singola attività . Di per sé, un componente non può realizzare molto, ma quando è raggruppato con altri componenti, il cadre sarà in grado di eseguire un processo. Inoltre, ci saranno due tipi di componenti: "agenti", che funzionano in background, e "moduli" che saranno visibili agli utenti.

Modularità nel sistema operativo fucsia; Per gentile concessione: 9to5Google

Sebbene questa modularità consenta di scomporre i file di sistema e i pacchetti di aggiornamento in piccoli pezzi, facilmente accettabili dal sistema, avrà anche altri vantaggi. Un altro vantaggio atteso dal framework modulare di Fuchsia è che può consentire l' aggiunta di nuove funzionalità semplicemente installando nuovi componenti . Considerando ciò praticamente, la modularità non solo risolverà il problema degli aggiornamenti di sistema ritardati ea volte buggy, ma porterà anche a aggiornamenti più rapidi delle app . Se vuoi visualizzarlo meglio, puoi guardarlo come un hardware modulare come un PC assemblato - o ancora più semplice, un fiore all'occhiello di Motorola usando Moto Mods che migliora la sua funzionalità.

Tutto questo, sebbene p`romising, richiede anche sia la cooperazione che lo zelo da parte degli sviluppatori poiché questo approccio modulare è cruciale per l'esperienza uniforme di cui la fucsia si dedica.

File system modulari

Il sistema operativo fucsia attualmente supporta una manciata di filesystem come:

  • sola lettura
  • memoria temporanea (per RAM)
  • un filesystem persistente per la memorizzazione permanente dei file
  • un file system di archiviazione del pacchetto di verifica dell'integrità (per la crittografia dei dati) e
  • un tipico sistema di archiviazione FAT

Con la modularità al centro, l'architettura di Fuchsia è flessibile e può ricevere supporto per ulteriori filesystem in futuro .

Il sistema operativo Fuchsia trasformerà il computing, ma come?

Aggiornamenti in tempo reale

Android è il leader per quanto riguarda la base di utenti, ma nonostante questo è in ritardo nella zona degli aggiornamenti. Sebbene l'esperienza dell'utente possa essere soggettiva, molti preferiscono ancora iOS su Android quando prendono in considerazione fattori come il supporto software lungo e l'esperienza uniforme del precedente su diversi dispositivi. Benché in precedenza fosse stato riferito che Google stava rimuginando i pacchetti di aggiornamento del fornitore e i livelli del framework Android, ciò avrebbe solo aiutato a velocizzare gli aggiornamenti di sicurezza ad Android. Fuchsia, tuttavia, aggiunge questa funzionalità all'intero sistema operativo.

D'altra parte, Google utilizza il proprio microkernel Zircon, anziché un kernel Linux, nel sistema operativo Fuchsia insieme al suo approccio modulare per distribuire gli aggiornamenti quasi in tempo reale . Ciò significa che indipendentemente dal marchio, lo smartphone potrebbe ricevere aggiornamenti quasi alla stessa velocità e frequenza dei dispositivi Google Pixel.

Per questo, Google ha progettato Amber, un sistema di aggiornamento incorporato nel sistema operativo Fuchsia che non si limiterà ad aggiornare i pacchetti di sistema e le applicazioni installate, ma anche il nuovo microkernel e il bootloader . Il team Fuchsia sta attualmente trafficando con diversi framework di aggiornamento per garantire aggiornamenti modulari più rapidi e accurati e l'interoperabilità tra i sistemi.

Ledgers

Nel tentativo di rendere Fuchsia più umanamente, il sistema operativo verrà fornito con una funzionalità chiamata Ledger che manterrà i dati relativi all'utilizzo per dispositivo. Ciò consentirà agli utenti di iniziare a lavorare su un nuovo dispositivo direttamente dal punto in cui erano stati interrotti su quello precedente . La funzione non si limita a sincronizzare i dati della singola app separatamente, ma dell'intera interfaccia nel suo complesso. Tutte queste informazioni saranno archiviate su una rete comune che consente agli utenti di vivere un'esperienza senza interruzioni durante il cambio di dispositivo .

Spazi vuoti

Il nome Fucsia deriva dal colore con lo stesso nome, che a sua volta deriva dai fiori dell'omonima pianta fucsia che ha più di 110 specie. Sebbene il nome non sia molto comune, è possibile identificarlo facilmente con questo colore (HEX:). Facilmente confuso per il rosa da molti, il fucsia può essere visualizzato come un ibrido tra il rosa e il viola. Ma il nome va oltre la spiegazione di una combinazione di colori e ha una metafora sottostante ad essa associata.

Il fiore della pianta fucsia

Quasi tutti i repository ufficiali mantenuti dalla Fuchsia lo segnano come somma totale di rosa e viola. Sotto la superficie, significa che il sistema operativo è progettato per colmare il divario tra smartphone e PC, tra dispositivi portatili e fissi, tra applicazioni basate sul Web e native e persino tra dispositivi Android e iOS .

Flutter, il kit di sviluppo software (SDK) progettato per sviluppare app Fuchsia in particolare, può essere utilizzato per scrivere app sia per Android che per iOS oltre al sistema operativo Fuchsia. Con modifiche minime al codice, gli sviluppatori saranno in grado di trasferire il front end dell'applicazione ad altre piattaforme, consentendo loro di offrire un'esperienza uniforme non solo sui sistemi gestiti da Fuchsia, ma anche su quelli esterni alla piattaforma.

Dipendenza dalle app Web

Il web viene lentamente rilevato da applicazioni o interfacce Web progressive che vengono eseguite direttamente dal Web per offrire un'esperienza simile a un'app senza alcuna installazione. Mentre ci sono informazioni limitate sulle app di Fuchsia disponibili sin da ora, guardando al futuro connesso si può tranquillamente ipotizzare che il sistema operativo sarà progettato per un'esperienza di prima web, proprio come il sistema operativo Chrome.

In effetti, il team di googler che gestisce il progetto sta lavorando a qualcosa chiamato "Web Runner", un motore di assemblaggio Web da utilizzare su run web apps su Fuchsia. Questo, a sua volta, contribuirà a rendere Internet una parte integrante ed essenziale del sistema operativo . Ma questo non implica che l'intero sistema operativo si basi sul web per funzionare, e speriamo di vedere presto alcuni esempi live di applicazioni native portati sulla piattaforma.

Fuchsia Interface Definition Language (FIDL)

Fuchsia potrebbe essere una proposta interessante per gli utenti finali, ma è altrettanto interessante per gli sviluppatori. Google vuole garantire che, indipendentemente dai punti di forza dei linguaggi di programmazione, dovresti essere in grado di contribuire allo sviluppo di Fuchsia. Per garantire ciò, gli ingegneri che lavorano al progetto hanno sviluppato FIDL, abbreviazione di Fuchsia Interface Definition Language, progettato per unire linguaggi di programmazione di uso comune.

FIDL supporta attualmente C / C ++, Rust di Mozilla, così come Go and Dart (la lingua principale per scrivere app Fuchsia) che sono sviluppati da Google stessa, mentre altre lingue saranno supportate in futuro . Con l'aiuto di FIDL, ad esempio, gli sviluppatori possono sviluppare un'app in Rust e quindi migrare l'applicazione su Go o Dart - o su qualsiasi altra lingua supportata - senza dover nuovamente codificare la GUI . Questo viene fatto trattando il nuovo codice come una "implementazione".

Questo presenta un'opportunità entusiasmante per gli sviluppatori e, se sei uno, puoi usare questo tutorial per saperne di più su FIDL.

In cosa differisce il sistema operativo Fuchsia da Android?

Interfaccia utente

Mentre il sistema operativo fucsia è lontano dall'essere commercialmente disponibile, grazie ad alcuni bravi samaritani, abbiamo alcune informazioni su come appare. Tra le varie perdite e suggerimenti relativi all'aspetto del sistema operativo Fuchsia, sappiamo che sarà un'interfaccia basata su schede con una somiglianza inquietante con Google Now. Ma ci sono una serie di elementi che sembrano ispirati a Chrome OS e persino iOS, con una grande dose di Google Material Design 2.

Interfaccia OS Fuchsia più vecchia per desktop

Google ha recentemente sostituito i file relativi all'interfaccia utente, precedentemente conosciuta con il nome Armadillo, da qualcosa chiamato Dragonglass. La nuova esperienza utente è stata sviluppata privatamente da Google, ma alcuni commenti pubblici nel repository sottolineano che Google sta almeno lavorando su tre diverse shell utente o ambienti desktop per Fuchsia, ovvero Dugonglass, Flamingo e Dragonglass.

Non si sa molto su queste shell utente, ma Dragonglass è apparentemente la stessa interfaccia disponibile su display intelligenti come Google Home Hub. Ha diverse carte per azioni o app diverse invece di icone, suggerendo che Google si propone di offrire agli utenti un'esperienza migliore rispetto a quella in cui trascorrono molto tempo a trovare l'opzione giusta su un touch screen. Invece, il sistema operativo sembra essere pronto per il mondo frenetico del futuro e rischia di ridurre la dipendenza dal tocco .

Mentre l'interfaccia Armadillo è stata salvata, puoi comunque provare a vedere le differenze che potrebbero verificarsi tra Android e Fuchsia. Ci sono applicazioni che emulano l'esperienza di Fuchsia su entrambi - uno smartphone Android (trova l'APK qui) e il web (guardalo fuori), per un facile esame. In questa interfaccia ormai fuori produzione, c'è un singolo pulsante nella barra di navigazione e al momento viene assegnato il compito di portarti all'interfaccia di casa. Inoltre, trascinando questo pulsante verso l'alto dal basso viene visualizzato il riquadro delle impostazioni rapide quando ci si trova all'interno di un'app (che potrebbe ricordare i gesti iOS per il Pannello di controllo sui telefoni precedenti all'iPhone X).

Anche se non possiamo ancora commentare l'esatta interfaccia utente, ci sono possibilità che Google possa abbandonare del tutto la home page e portare un'interfaccia unificata che mostra le impostazioni rapide, Recents e il tuo Google Now (fornito da una versione avanzata di Assistente Google) feed su una singola pagina. Ti terremo aggiornato una volta che avremo appreso che aspetto avrà la nuova interfaccia.

Calcolo multipiattaforma con sistema operativo Fuchsia

Fuchsia OS è progettato per sfruttare appieno la potenza della condivisione, consentendo di godere di prestazioni uniformi dell'interfaccia e delle app su tutti i dispositivi, indipendentemente dalla loro forma o dimensione. Ma ancora più importante, Fuchsia OS consentirà a Google di utilizzare l'ecosistema ricco di applicazioni di Apple consentendo un facile porting delle applicazioni.

Flutter, l'SDK sviluppato da Google, può essere utilizzato per creare app identiche per iOS e Android, sebbene sia anche l'unica piattaforma SDK a sviluppare app Fuchsia a partire da ora. L'SDK ha recentemente abbandonato la versione beta, suggerendo che Google non è solo serio nel non permettere agli utenti di Android di non essere molto lontani dagli utenti iOS in termini di esperienza utente, ma vuole anche che altri sviluppatori tentino di dare una mano alle app di Fuchsia . Anche le shell degli utenti core di Fuchsia sono state create usando Flutter.

Inoltre, permettendo agli sviluppatori di bagnarsi con lo sviluppo di Fuchsia, l'emulatore ufficiale per testare le app Android, Android Studio ha ricevuto il supporto per il kernel Zircon di Fuchsia. Mentre al momento dell'annuncio, sembrava che Google volesse consentire agli sviluppatori di eseguire Fuchsia su Android Studio, è stato recentemente apportato un cambiamento nel repository AOSP Gerrit per evidenziare che le app Android verranno eseguite su Fuchsia con l'aiuto di una versione personalizzata di Android Runtime.

Oltre a questo, un anno fa Google ha anche aggiunto il supporto per Swift, un linguaggio di programmazione creato da Apple, a Fuchsia. Sebbene ciò non implichi che Fuchsia OS eseguirà direttamente le app iOS, ma il passo ispirerà e inviterà gli sviluppatori, attualmente limitati all'ecosistema Apple, a cimentarsi nello sviluppo di app per il sistema operativo unificato.

OS fucsia Si sente come un successore Android: ecco perché

In prospettiva, il sistema operativo Fuchsia può essere visto in sostituzione di Android e ci sono alcuni motivi che lo indicano. La Fuchsia sembra essere stata ispirata da Android nonostante non sia esattamente identica alla vista. Con Fuchsia, Google sta tagliando la sua dipendenza da altri giganti del software, ma sembra anche aver preso la dovuta cura per assicurarsi che sia gli utenti che gli sviluppatori si sentano a casa. Ecco alcuni dei motivi che lo assicurano.

Elementi dell'interfaccia utente simili a Android Pie

  • Pulsante di navigazione singolo: Fuchsia non appare necessariamente simile a Android Pie ma ritiene che l'ultima versione di Android sia destinata a preparare gli utenti a spostarsi nel nuovo ecosistema. Il primo esempio di questo è il singolo tasto home e la recente decisione di Google di limitare gli utenti di Google Pixel 3 a non utilizzare la nuova barra di navigazione. Sembra essere un passo per condizionare gli utenti per la navigazione di Fuchsia.
  • Azioni e suggerimenti per le app : in secondo luogo, i suggerimenti di Fuchsia che possono essere visualizzati nell'interfaccia demo ricordano le "App Actions" di Android Pie, che sono azioni suggerite per app in base alle preferenze dell'utente e alla scelta abituale di azioni. Android Pie utilizza l'apprendimento automatico per curare queste opzioni e con l'avvento di sistemi più intelligenti e intelligenti, questi suggerimenti non solo sono probabilmente più accurati, ma eliminano anche la necessità di toccare lo schermo per eseguirli - che è uno dei principali obiettivi di Fuschia.
  • Modularità delle app: la terza e ultima somiglianza tra Android e Fuchsia è con modularità. Google ha recentemente introdotto qualcosa chiamato "Pacchetto di app", che è un formato di file alternativo che gli sviluppatori possono utilizzare durante il caricamento delle loro app sul Google Play Store. A questo punto, potresti averlo indovinato, ma se non lo hai fatto, App Bundles consente agli sviluppatori di rompere le loro app in blocchi più piccoli in modo che il download diventi più semplice ( non lo odi quando devi scaricare nuovamente un'app o un gioco di grandi dimensioni da l'inizio quando si perde la connettività Internet in mezzo? ). Inoltre, oltre a facilitare il processo di download per gli utenti, App Bundles consente inoltre agli sviluppatori di aggiungere funzionalità on-demand extra alle proprie app senza costringere gli utenti a scaricare pacchetti aggiuntivi.

Google sta già lavorando su prototipi fucsia

Google ha già lavorato su determinati prodotti software e hardware che indicano la partecipazione attiva di Google, che non è solo entusiasmante per gli sviluppatori ma anche per i consumatori. Nel luglio dello scorso anno, Google stava lavorando su un'app YouTube per Fuchsia OS, a parte alcuni sviluppi casuali come un gioco di Tic-Tac-Toe.

In termini di hardware, è stato recentemente riscontrato che Google stava soffiando risorse su un dispositivo - nome in codice "Sherlock" - molto probabilmente una fotocamera digitale e si sospetta che sia il successore di Google Clips . Questo dispositivo utilizza un sensore Sony IMX277 e, sebbene abbia il potenziale più elevato di essere una fotocamera digitale, potrebbe anche essere una telecamera di sicurezza, considerando la natura investigativa del nome.

Infine, un dispositivo Fuchsia destinato a maturare in un prodotto commerciale è Google Home Hub, che in realtà non esegue Fuchsia ma è stato tra i primi prototipi su cui è stato testato. Il display intelligente creato da Google gira su una piattaforma diversa chiamata Cast, a differenza di altri display intelligenti che si basano sulla piattaforma Android Things. Per chiarire, Cast e Fuchsia sono piattaforme diverse, ma ci si aspetta che quest'ultima abbia alcune delle caratteristiche del diffusore intelligente che include un'interfaccia per le azioni dirette e un'alta dipendenza dai controlli vocali. Quindi, si può ritenere che sia un dispositivo lanciato per avvertire l'emozione generale degli utenti di questa esperienza.

Il logo fucsia ricorda una "Q"

Quest'ultimo punto potrebbe essere troppo speculativo ma vale comunque la pena di essere notato. Il logo Fuchsia OS assomiglia molto alla lettera "Q" e questo non sarebbe molto sorprendente a meno che Android Q fosse la prossima versione di Android. Quindi, Google ha in programma di sostituire Android Q con Fuchsia, o è troppo presto?

Somiglianza tra logo OS fucsia e lettera "Q"

Poiché Android Pie è diventato un importante cambiamento rispetto a Oreo, lanciare Fuchsia agli utenti poteva ritorcersi contro, ma potevamo ancora sperare di vedere alcuni sviluppi attivi insieme a Android Q. Ci sono già stati tentativi di eseguire Fucsia sugli smartphone e il sottomarca Honor di Huawei è stato il primo marchio ad avere il proprio dispositivo come parte di questo test.

Futuro del sistema operativo Fuchsia?

Ora che abbiamo imparato a conoscere il passato e il presente di Fuchsia OS, una domanda valida da porre riguarda il futuro del sistema operativo Fuchsia. Prendendo le parole di Travis Geiselbrecht, un membro del team Fuchsia di Google, la società non ha intenzione di scaricare Fuchsia e sembra essere piuttosto seria . Con gli sviluppi come un SDK separato, linguaggi di programmazione speciali, un nuovo kernel e una forte opposizione a Linux, Fuchsia sembra pronta a conquistare l'intero ecosistema dei prodotti Google - che si tratti di smartphone, laptop o dispositivi semplicemente connessi come Google Home e Google Home Hub. Fucsia è un sistema operativo per dominarli tutti.

In futuro, potremmo vedere la fusione di Fuchsia con altre tecnologie emergenti come il cloud computing, le reti 5G ultraveloci, il quantum computing ecc. Per evolvere come sistema collettivo e connesso di dispositivi, in modo che il sistema operativo non funzioni individualmente su ciascuno dei dispositivi. Invece, questo OS onnicomprensivo può essere eseguito come istanze decentralizzate su ciascun dispositivo, che funzionano all'unisono.

Potrebbe sembrare fantascienza, ma non c'è alcun motivo per negarlo. Ma tra tutto questo, perderemo la capacità di personalizzare la nostra esperienza utente - come facciamo su uno smartphone Android - o sarà un'intelligenza artificiale personalizzarlo e adattarlo alle nostre esigenze? Questo è qualcosa a cui solo il tempo risponderà, ma continueremo ad aggiornare la frequenza di questo articolo con i principali sviluppi in questo settore per tenerti aggiornato su ciò che riserva il futuro per il sistema operativo Fuchsia.

Top